Caricamento Eventi
  • Questo evento è passato.

« Tutti gli Eventi

Castello di Mesola

29 Settembre 2019 - 12 Gennaio 2020

Mostra “Terre d’acqua” di Felice Nittolo

Promossa da: Comune di Mesola (FE), Assessorato alla cultura

titolo della mostra: FELICE NITTOLO. Terre d’acqua

a cura di: Maria Rita Bentini

dove: Castello Estense e  Torre  Abate, Mesola (Ferrara)

fino al 12 gennaio 2020

orari: da martedì alla domenica compresa: 9,30-12,30 / 14,30-17,30

ingresso libero

 

col patrocinio di:

RavennaMosaico. Biennale Internazionale Mosaico Contemporaneo 2019

 

Al Castello di Mesola si potrà visitare fino a domenica 12 gennaio la magica rassegna dal titolo “Felice Nittolo. Terre d’acqua”, a cura di Maria Rita Bentini, promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Mesola (Ferrara) che riunisce oltre cento opere dell’artista (installazioni, mosaici, disegni). C’è di più: per il finissage della mostra è stata organizzata un’ulteriore installazione con cinquanta “opere” realizzate da altrettanti giovani delle classi quinte e prime medie dell’istituto comprensivo di Mesola che tra ottobre e dicembre hanno visitato la mostra, traendone libere interpretazioni creative con materiali diversi, tra cui il mosaico. L’artista ha voluto che i lavori dei giovani siano esposti al Castello insieme alle sue opere: ecco allora che sabato 11 gennaio alle ore 10,30 gli studenti, insieme alle loro famiglie, alle autorità locali, al direttore didattico, alle insegnanti e allo stesso artista si incontreranno al Castello per ammirare quanto scaturito da questa bella esperienza.

Nel progetto espositivo che l’artista Felice Nittolo, ravennate d’adozione ma di origini campane, ha creato specificamente per Mesola, c’è un pensiero pervaso d’emozione che nasce da un sentire ovunque, nell’immensità vivente nel paesaggio del Delta del Po, tra acque, verdi terre e cielo, la presenza misteriosa della luce.

La mostra, a dire il vero, invita il pubblico a compiere un viaggio-navigazione a partire da Mesola, nel susseguirsi delle sale espositive del Castello estense, per arrivare a Torre Abate, nel cuore dell’antico bosco di pianura dove in passato gli uomini hanno tentato di governare la forza delle acque ed ora proteggono con saggezza un ecosistema unico, tra il mare e la terra. O viceversa, perché allo stesso tempo l’artista chiama il visitatore a “prendere le vele” da Torre Abate, per giungere infine nelle magiche stanze del Castello.

Con questa ricchissima rassegna di opere degli ultimi quarant’anni, Felice Nittolo porta a Mesola il fascino contemporaneo del mosaico, che è innanzi tutto tessera, vale a dire un frammento prezioso di luce, oro, colore (quello intenso degli smalti veneziani), il principio primo della composizione. Ma nell’universo creativo dell’artista il mosaico è anche totalità, dunque gesto, azione, pittura e scultura, fino a divenire spazio immersivo, installazione in dialogo coi luoghi. Forse un modo di essere per l’artista stesso, che iconicamente è divenuto mosaico indossando un cappotto musivo, ed ha trasfigurato con un dinamico rivestimento di tessere auree la mitica vecchia Fiat Cinquecento, elevandola a pezzo unico di design.

Per Felice Nittolo, il mosaico con la preziosità dei suoi materiali è un linguaggio antichissimo eppure assolutamente contemporaneo.

Un’arte incontrata a Ravenna, dove nei secoli d’oro la decorazione musiva divenne erede degli splendori della Roma tardo-antica e dell’Oriente bizantino, tra V e VI secolo: la sua grammatica è stata subito amata e poi trasgredita da Nittolo, da artista ribelle e appassionato qual è da sempre.

Terre d’acqua è in ogni caso molto più che un’antologica. E’ un paesaggio di segni e magiche evocazioni, che invita lo spettatore a vedere, ma soprattutto a sentire: l’incanto del mare e la sua superficie increspata che riflette la luce moltiplicandola con mille bagliori,  l’avventura del navigare tra ricerca dell’ignoto e desiderio di casa, lo sguardo al futuro attraverso la memoria. In una sola parola, la bellezza.

 

Il catalogo bilingue (italiano e inglese) Felice Nittolo Terre d’acqua raccoglie le immagini delle opere in mostra. Introdotto da un testo critico della curatrice, è edito dalla Aqua edizioni.

 

L’ARTISTA

Felice Nittolo è nato nel 1950 a Capriglia Irpina, in provincia di Avellino, e dopo gli studi in Pittura all’Accademia di Belle Arti di Napoli, nel 1968 si trasferisce a Ravenna, come lui stesso dichiara, “per amore del mosaico”. Nel panorama internazionale dell’arte musiva contemporanea esprime con due manifesti un’interessante posizione militante: “A-ritmismo” (Università di Louvain-La-Neuve, Belgio, 1984) e “Nuova tradizione” (Accademia di San Pietroburgo, Russia, 1992), entrambi presentati con l’AIMC, Associazione Internazionale Mosaicisti Contemporanei.

Insieme al linguaggio musivo, ha sviluppato ricerche legate alla profonda unità delle arti, attraverso pittura, fotografia, scultura, performance, musica, teatro.

La sua attività espositiva è ricchissima, sia in Italia che all’estero. Tra le ultime personali:  Porziuncola, Chapelle Saint Eman, Chartres (FR), 2013; Installazione, Basilica di San Giovanni Evangelista, Ravenna, 2015;  Ritorno, a cura di P. Sacchini e G. Picone , sette mostre in diversi luoghi antichi del territorio irpino, 2016-17; Felice Nittolo. Geografie a ritroso, Museo Nazionale, Ravenna, 2017-18; Luce sull’altare, installazione, Basilica di San Petronio, Bologna, 2018; La pietra e l’oro, installazione, Cappella dello Spirito Santo, Monastero di Camaldoli (Arezzo), 2018; Svelata, installazione sull’acqua,  cripta della Basilica di San Francesco, Ravenna, 2019.  Ha inoltre partecipato a Montezuma, Fontana, Mirko. La scultura in mosaico dalle origini a oggi, a cura di A. Panzetta e D. Torcellini, Museo d’arte della città di Ravenna, 2017-18. Numerosi cataloghi monografici ne documentano il lavoro. Sue opere sono presenti in collezioni pubbliche e private in Italia e all’estero, dal MAR di Ravenna all’Art Museum di Tacoma a Seattle (USA), dal Museo Nazionale di Ravenna al Museo d’Arte di Kawagoe (Giappone).

Vive e lavora a Ravenna. www.felicenittolo.it.

Dettagli

La redazione non è responsabile di eventuali inesattezze o variazioni nel programma degli eventi riportati. In caso di annullamento, variazione, modifica delle informazioni di un evento potete scrivere a eventi@filomagazine.it