Caricamento Eventi
  • Questo evento è passato.

« Tutti gli Eventi

Centro Sociale La Resistenza Ferrara

11 dicembre ore 19:00 - 23:30

I Martedì della Resistenza!

#imartedìdellaresi – 11/12

/-/ 19’30 – Stato di agitazione permanente: Non Una Di Meno presenta il libro “Oro rosso. Fragole, pomodori, molestie e sfruttamento nel Mediterraneo. ”

Incontro con l’autrice Stefania Prandi

/-/ a seguire cena sociale a sostegno di NUDM

/-/ 21’15 live Doctor & The Blues Thinkers
https://doctorandthebluesthinkers.bandcamp.com/

about:
~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
“Oro Rosso. Fragole, pomodori, molestie e sfruttamento nel Mediterraneo”

Un reportage sulle donne che raccolgono e confezionano il cibo che arriva sulle nostre tavole. Il racconto si snoda in tre paesi affacciati sul mare Mediterraneo, Italia, Spagna e Marocco, tra i maggiori esportatori di ortaggi e frutta in Europa e nel mondo. Qui, le braccianti, non solo sono pagate meno degli uomini e costrette a turni estenuanti, ma vengono molestate sessualmente, ricattate, subiscono violenze verbali, fisiche e stupri.

Nelle pagine, le vite delle molte lavoratrici che i media ignorano: la sopravvivenza quotidiana, la resistenza alla violenza, il coraggio delle denunce che, malgrado gli sforzi, cadono nel vuoto.

Il libro è il risultato di un lavoro di inchiesta e documentazione durato più di due anni, con oltre centotrenta interviste a lavoratrici, sindacalisti e associazioni.

Riconoscimenti:
Nel 2016, il progetto ha vinto il grant The Pollination Project (Stati Uniti), le foto legate all’inchiesta hanno ricevuto menzioni speciali ai premi Moscow International Photo Awards, International Photography Awards, Neutral Density Awards, Photography Festival, Tokyo International Photo Awards e sono arrivate finaliste al LuganoPhotoDays Festival 2016.
Al tema è collegata l’inchiesta realizzata in tedesco, inglese e spagnolo, uscita in Germania su BuzzFeed e Correctiv. L’inchiesta giornalistica nel 2017 ha ottenuto il grant di Volkart Stiftung foundation (Svizzera). Nel 2018 ha vinto l’Otto Brenner Preis (Germania), il Georg von Holtzbrinck Preises für Wirtschaftspublizistik (Germania), ed è arrivata finalista al Medien Lowin (sezione argento) (Austria).

«Questa violenza mortifera e mortale è espressione diretta, prodotto sociale e organico del rapporto di classe tra uomini e donne»

(Paola Tabet)

http://www.settenove.it/articoli/oro-rosso/344

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
Doctor and the blues thinkers

Riccardo De Gennaro – chitarra
Federico Squassabia – tastiere
Youssef Ait Bouazza – batteria

La formazione nasce nel 2018 dalla reunion di Riccardo De Gennaro, chitarrista blues, e Federico Squassabia, pianista e tastierista poliedrico, che hanno precedentemente collaborato in varie formazioni di blues, jazz e soul.

Fourty è un lavoro caratterizzato da tracce semplici, che partono da nenie, ninne nanne o temi di ispirazione blues/jazz, in cui viene effettuata una ricerca sui suoni e sulle atmosfere della “musica dal mondo” con feeling talora sognanti nelle ballate e brani movimentati che richiamano i temi del viaggio, in una direzione non ben definita, verso luoghi aperti e senza frontiere come le praterie o i deserti sterminati.
Le tonalità sono talora volutamente cupe talora francamente tribali come nelle parti di sola batteria, che ricordano antichi temi poliritmici delle origini della musica, o musiche etniche lontane ma inevitabilmente attuali.

Il disco è composto da 5 tracce, diverse ma unite dal collante della comune passione per il blues, per la musica africana e il linguaggio improvvisativo jazzistico: si passa da Sirian blues, un’incessante tema ridondante su un ritmo coinvolgente, ricordo di musiche arabe popolari, con suoni distorti e una batteria piacevolmente assordante, alle ninne nanne per Ernesto (un brano dolce, rasserenante, rilassante) e per Alice (una marcia veloce e nervosa, con ritmo tribale), alla milonga tikurta, un brano che grazie alla presenza del batterista e agli arrangiamenti, nonostante la struttura blues, ricorda le musiche Sahariane e riporta alle origini della musica.

Come ultima traccia un pezzo di ispirazione folk ma con suoni aperti e onirici, 23 aprile, dedicato a un amico scomparso portato via dal cursed river…
Buon ascolto.

https://www.facebook.com/thege1977/

https://www.facebook.com/events/2161612954077817/

La redazione non è responsabile di eventuali inesattezze o variazioni nel programma degli eventi riportati. In caso di annullamento, variazione, modifica delle informazioni di un evento potete scrivere a eventi@filomagazine.it