Caricamento Eventi
  • Questo evento è passato.

« Tutti gli Eventi

Ferrara Centro

6 Maggio 2023 - 13 Maggio 2023

FeFant – Festival della Fantasia: “Cosa c’è di allegro in questo maledetto paese?”

Evento Anteprima il 6 maggio.
Dalla fantasia al fantasy, dal più importante romanzo italiano alla fiction, e poi musica, danza e tanti fili, caleidoscopici e cangianti, che si annodano e si sciolgono nell’edizione 2023: in viaggio con Alessandro Manzoni e I Promessi Sposi nell’anniversario dei 150 anni dalla morte del grande romanziere italiano.

L’anteprima di FeFant, il 6 maggio, è affidata a Giacomo Poretti che sveste i panni del trio Aldo Giovanni e Giacomo per presentare il suo romanzo “Turno di notte” (Mondadori).

E a tutto fantasy con il Professore che amava i draghi, John Ronald Reuel Tolkien. E i personaggi tra fantasia e realtà delle ballate di Bruce Springsteen: proprio a Ferrara “The Boss” aprirà il suo tour italiano pochi giorni dopo, il 18 maggio.

Sempre in omaggio all’anniversario manzoniano, la mostra dell’artista e architetto milanese Chiara Mazzotti “Acqua – Inedita protagonista de I Promessi Sposi”. L’acqua come personaggio liquido che lega protagonisti e luoghi, che genera suoni, voci, canti, immagini.
E ancora: fantasia al potere, poteri fantastici, fantasie di potere, fantasia come filo rosso fra corpo e identità.

Tra i protagonisti più attesi al festival l’attore, doppiatore e conduttore TV Pino Insegno, il Direttore QN Agnese Pini, lo psichiatra e psicoterapeuta Giovanni Stanghellini, il musicista e compositore Teo Ciavarella, protagonista della scena jazz internazionale, l’attrice e scrittrice Eleonora Mazzoni. E poi gli artisti Sabrina Alessandro e Jorge Andrés Bosso, Ufficio Resurrezione parole smarrite; Giuditta Sin, performance artist, la rockband I Fiumi.

Il Premio Fantasia 2023, nel segno della solidarietà attiva e creativa, va al Dar Almajus Community Home Pro Terra Sancta Bethlehem e al Touched Group Betlemme, due esperienze “allegre” che continuano a costruire comunità, ponti di pace e di umanità nella martoriata città palestinese.

FERRARA – Ferrara, antica capitale del Ducato Estense, torna a essere, dall’11 al 13 maggio, la capitale della fantasia grazie alla terza edizione di Fe.Fant il Festival della Fantasia, che porta la firma del poeta Davide Rondoni, direttore artistico, con la Fondazione Zanotti. FeFant dedica questa edizione ai 150 anni dalla morte di Alessandro Manzoni ispirandosi alla celebre frase dell’Innominato “Cosa c’è di allegro in questo maledetto paese?”. «La grande fantasia di Alessandro Manzoni ha inventato gli italiani, o meglio ha letto nella storia dei grandi ma soprattutto in quella degli umili le vere caratteristiche dell’identità italiana regalandoci una galleria di personaggi in cui ancora ci si può riconoscere, si possono sorprendere vizi e difetti, pregi e santità della nostra gente. Un romanzo degli umili che dimostra che la storia non la capiscono solo gli esperti, gli intellettuali ma appartiene ai semplici come Renzo e Lucia che seguono la fantasia, l’amore e la ricerca della felicità», spiega il direttore artistico Davide Rondoni.

Dalla fantasia al fantasy, dal più importante romanzo italiano alla fiction, e poi musica, danza e tanti fili, caleidoscopici e cangianti, che si annodano e si sciolgono nell’edizione 2023: in viaggio con Alessandro Manzoni e I Promessi Sposi nell’anniversario dei 150 anni dalla morte del grande romanziere italiano. E a tutto fantasy con il Professore che amava i draghi, John Ronald Reuel Tolkien.

E i personaggi tra fantasia e realtà delle ballate di Bruce Springsteen: proprio a Ferrara “The Boss” aprirà il suo tour italiano pochi giorni dopo, il 18 maggio. Sempre in omaggio all’anniversario manzoniano, la mostra dell’artista e architetto milanese Chiara Mazzotti “Acqua – Inedita protagonista de I Promessi Sposi”. L’acqua come personaggio liquido che lega protagonisti e luoghi, che genera suoni, voci, canti, immagini. E ancora: fantasia al potere, poteri fantastici, fantasie di potere, fantasia come filo rosso fra corpo e identità.

Tra i protagonisti più attesi al festival l’attore, doppiatore e conduttore TV Pino Insegno, il
Direttore QN Agnese Pini, lo psichiatra e psicoterapeuta Giovanni Stanghellini, il musicista e
compositore Teo Ciavarella, protagonista della scena jazz internazionale, l’attrice e scrittrice
Eleonora Mazzoni, il giornalista e scrittore Luca Miele; la storica e critica d’arte Roberta Tosi, il
giornalista e conduttore televisivo Saverio Simonelli.

E poi gli artisti Sabrina Alessandro e Jorge Andrés Bosso, Ufficio Resurrezione parole smarrite; Giuditta Sin, performance artist e la rockband I Fiumi. L’anteprima di FeFant, il 6 maggio, è affidata a Giacomo Poretti che sveste i panni del trio Aldo Giovanni e Giacomo per presentare il suo romanzo “Turno di notte. Storia tragicomica di un infermiere che avrebbe voluto fare altro” (Mondadori).

Il Premio Fantasia 2023, nel segno della solidarietà attiva e creativa, va al Dar Almajus
Community Home Pro Terra Sancta Bethlehem e al Touched Group Betlemme, due esperienze
“allegre” che continuano a costruire comunità, ponti di pace e di umanità nella martoriata città
palestinese.

Il Festival della Fantasia FeFant è organizzato e promosso dalla Fondazione Enrico Zanotti di
Ferrara, per la direzione artistica del poeta e scrittore Davide Rondoni, con il patrocinio della
Regione Emilia Romagna, la Provincia di Ferrara, il Comune di Ferrara, l’Università degli
Studi di Ferrara, l’Ufficio scolastico Regionale dell’Emilia Romagna e la media partnership de
Il Resto del Carlino.

I DIALOGHI DI FEFANT
Ricco il programma dei dialoghi del Festival della Fantasia 2023.
Con il direttore artistico Davide Rondoni e lo psichiatra e psicoterapeuta, docente di Psicologia
dinamica all’Università degli Studi di Firenze Giovanni Stanghellini per parlare di fantasia, identità
e corpo. Fantasia è stare nella forma, creare figure nuove e personaggi definiti e straordinari
con cui confrontarsi contro gli spettri, i fantasmi, l’indefinitezza dell’esistenza. Viviamo in
un’epoca in cui omologazione culturale, sociale, identitaria e corporea vanno di pari passo e
sviluppare un rapporto diretto, singolare e complesso con il nostro corpo, con la carne, è sempre più difficile: il corpo velato, taciuto, rappresentato, esposto, trasformato, liquefatto, vissuto, sentito… Tra gli ultimi libri di Giovanni Stanghellini “Selfie. Sentirsi nello sguardo dell’altro” (Feltrinelli, 2020).

Appuntamento venerdì 12 maggio alle ore 18.30 al Castello Estense.
Fantasia e potere, fantasia al potere, fantasie di potere. Nel secolo scorso la fantasia si era
data il compito di conquistare e di affermare il proprio dominio nella realtà, di uscire dai sogni e
dalle sue immagini per farsi sostanza: come si è trasformato nel tempo questo rapporto nel
nostro immaginario? La fantasia oggi coincide con il potere e le sue illusioni?

Accompagnati dagli interventi musicali del pianista e compositore Teo Ciavarella, protagonista della scena jazz internazionale, il dialogo tra Agnese Pini, direttore del gruppo editoriale Quotidiano Nazionale, e il direttore artistico Davide Rondoni, poeta e scrittore (venerdì 12 maggio, alle ore 18.30 al Castello Estense).

Il festival si annuncia con un’anteprima, in cartellone sabato 6 maggio alle ore 12 Ridotto del
Teatro Comunale, che vedrà protagonista l’artista Giacomo Poretti, che sveste i panni del
mitico Trio condiviso con Aldo e Giovanni, e presenta il suo libro “Turno di notte. Storia
tragicomica di un infermiere che avrebbe voluto fare altro” (Mondadori): un romanzo fatto di
mille personaggi meravigliosi – suore, infermieri, pazienti, dottori – nel quale confluiscono le
esperienze dei suoi trascorsi in corsia … In dialogo con lo scrittore Marcello Corvino, Direttore del Teatro Comunale di Ferrara e Giovanni Farkas, Fondazione Enrico Zanotti.

NOTTI FANTASTICHE FRA MUSICA, DANZA, CINEMA: DA TOLKIEN A “THE BOSS”
“La Fantasia è una naturale attività umana, la quale certamente non distrugge e neppure
reca offesa alla Ragione; né smussa l’appetito per la verità scientifica, di cui non ottunde la
percezione. Al contrario: più acuta e chiara è la ragione, e migliori fantasie produrrà”, scrive J. R.
R. Tolkien (Sulle fiabe in “Albero e Foglia”, Bompiani) protagonista assoluto dell’incontro di
FeFant “Dite ‘amici’ ed entrate. Tolkien ’50: il professore che amava i draghi”, in cartellone
sabato 13 maggio negli spazi dell’Accademia (P.tta Giovanni da Tossignano) alle ore 21.

Insieme all’attore, conduttore televisivo e doppiatore Pino Insegno, che ha prestato la sua voce a Viggo Mortensen nel ruolo di Aragorn nella trilogia de Il Signore degli Anelli, Roberta Tosi, storica
e critica dell’arte e Saverio Simonelli, giornalista di TV2000 e autore, insieme ad Andrea Monda,
di “Tolkien, il Signore della fantasia” (Frassinelli) e “Anelli della Fantasia. Viaggio ai confini
dell’universo di Tolkien” (Frassinelli). Saranno colonna sonora dell’evento le incursioni
musicali dei Lingalad (Giuseppe Festa / voce e flautI, Fabio Ardizzone / tastiere, Luca Pierpaoli /
chitarra acustica, Dario Canato / basso, Giacomo “Giandil” D’Alessandro / chitarra acustica e
seconde voci, Marcello Canato / percussioni, Andrea Rucci / batteria), il gruppo italiano folk
fondato nel 2000 le cui composizioni e produzioni sono da sempre ispirate al mondo de Il
Signore degli Anelli e ai segreti della natura. Nel 2022, vede la luce il singolo “Respiro” con un
videoclip che richiama la sfida del millennio, l’uomo alla prova del cambiamento ecologico,
contenuto nel best of “Venti di foresta” che celebra i 20 anni dei Lingalad.

A conclusione dell’incontro, la proiezione del film “Il Signore degli Anelli – Il Ritorno del
Re” di Peter Jackson. Non poteva mancare al Festival della Fantasia un omaggio ai personaggi tra fantasia e realtà delle ballate di Bruce Springsteen: proprio a Ferrara “The Boss” aprirà il suo tour italiano pochi giorni dopo, il 18 maggio.

In dialogo con Luca Miele, giornalista di Avvenire e autore di “Oltre il confine. Miti e visioni d’America nelle canzoni di Bruce Springsteen” (Pardes), l’Assessore alla Cultura del Comune di Ferrara Marco Gulinelli e David Uban, Vicepresidente di Ferrara Arte: Everybody’s got a hungry heart – Un viaggio alla riscoperta di sé nella musica di Bruce Springsteen, sabato 13 maggio alle ore 18 nell’Accademia in piazzetta Giovanni da Tossignano, 2.

FEFANT, LA NOTTE DELLA FANTASIA: CON I VINCITORI DEL CONCORSO SCOLASTICO
DEDICATO AI PERSONAGGI DE “I PROMESSI SPOSI” E DEL PREMIO FANTASIA 2023

Il festival si apre con la premiazione del concorso nazionale “Cosa c’è di allegro in questo
maledetto paese? – Viaggio di fantasie nuove tra i personaggi dei Promessi Sposi” per gli
alunni e gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado, statali e paritarie, in omaggio
all’anniversario manzoniano, promosso dalla Fondazione Enrico Zanotti di Ferrara, la
rivista ClanDestino e l’Accademia dei Silenti, con il patrocinio di INDIRE.

Giovedì 11 maggio, appuntamento alle ore 17 al Castello Estense per l’incontro dedicato ai personaggi dei “Promessi Sposi” con Davide Rondoni e l’attrice e scrittrice Eleonora Mazzoni – in libreria per Einaudi con “Il cuore è un guazzabuglio. Vita e capolavoro del rivoluzionario Manzoni” – che premieranno i lavori selezionati dalla Giuria del Premio, composta da Davide Rondoni, la
scrittrice Antonia Arslan, Fabio Romanini, docente dell’Università degli Studi di Ferrara, Maria
Teresa Guerrini docente dell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna e Villi Demaldè,
docente e referente dell’UAT di Ferrara. In diretta streaming sulla pagina youtube della
Fondazione Zanotti, per partecipare in presenza scrivere a concorsomanzonif.zanotti@gmail.com

In serata, alle ore 21.30 al Castello Estense, la consegna il Premio Fantasia 2023 a Vincenzo
Bellomo – italiano residente con la famiglia a Betlemme – in rappresentanza dell’Associazione
Pro Terra Sancta che gestisce dal 2022 il nuovo centro servizi Dar Al-Majus (Casa dei Magi),
a poche decine di metri dalla basilica della Natività, nel cuore della cittadina palestinese: uno
sportello di ascolto, aule per la formazione e l’orientamento dedicate in special modo
all’avviamento al lavoro di giovani e donne (anche con l’obiettivo di contrastare l’emigrazione),
spazi espositivi, gallerie d’arte e un bazar solidale che dona spazi di visibilità a varie
esperienze sociali e assistenziali già presenti in città. Il riconoscimento va anche al
Touched Group, il gruppo internazionale ‘toccato’ dall’amicizia che continua a sostenere con la
sua opera la comunità cristiana che vive a Betlemme. Ritira il Premio Lina Canavati Rahil,
responsabile del settore sociale del Baby Caritas Hospital di Betlemme, l’unico ospedale pediatrico
della città.

La notte della fantasia regala la magia della musica e della danza con le rock songs de I
Fiumi (Sarah Stride/voce e testi), Xabier Iriondo/chitarra elettrica, Andrea Lombardini/basso
elettrico), Diego Galeri/batteria), il burlesque di Giuditta Sin che unisce ricerca estetica e
atmosfere retrò dalla femminilità perduta. E ancora le performance di Sabrina D’Alessandro e
Jorge Andrés Bosso di Ufficio Resurrezione Parole smarrite, un progetto multiforme che
coinvolge da anni artisti che recuperano le parole ormai in disuso trasformando nel tempo tali
vocaboli in installazioni, mostre o performance per ‘dare un ingombro fisico alle parole, in modo
che (verba volant) non volino più’.

LA MOSTRA “ACQUA – INEDITA PROTAGONISTA DE I PROMESSI SPOSI. Gorgoglìo, Mormorio, Sussurrìo”. Sarà inaugurata domenica 7 maggio alle ore 18, negli spazi dell’Accademia,piazzetta
Giovanni da Tossignano, 2, la mostra dell’architetto e artista milanese Chiara Mazzotti “Acqua – Inedita protagonista de I Promessi Sposi. Gorgoglìo, Mormorio, Sussurrìo”.

Nell’anniversario dei 150 anni dalla morte di Alessandro Manzoni, un omaggio a uno dei grandi personaggi dei passaggi più salienti del romanzo: l’acqua che entra in scena sotto diverse forme, è lago, fiume, torrente, gora ed infine pioggia, rivestendo un importante ruolo narrativo. È un filo conduttore che lega protagonisti e luoghi e che si snoda su uno sfondo antitetico caratterizzato da grande siccità e carestia.

Nel corso della narrazione, a tutti gli elementi composti da acqua il Manzoni affida compiti
fondamentali: sono compagni di viaggio, porti sicuri, casa e manifestazione della Provvidenza, e
svolgono a pieno titolo il ruolo di comprimari. Manzoni non manca di sottolineare, nell’ambito delle
descrizioni degli elementi, i suoni dell’acqua. I gorgoglii, i mormorii e i sussurrii, sono la voce,
il canto, l’espressione di questo inedito personaggio liquido, la cui manifestazione rende il
testo intenso e profondo. Intervengono, insieme all’artista, Barbara Vincenzi, storia e critica
dell’arte e curatrice della mostra e Davide Rondoni, direttore artistico di FeFant e poeta. La
mostra resterà aperta fino al 13 maggio, dalle 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 18.30, ingresso gratuito
con possibilità di prenotare visite guidate alla mail mostraacqua@fondazionezanotti.org

IL CONVEGNO: STATO, SOCIETA’, BENE COMUNE
Al Festival della Fantasia, a cura della Scuola di Politica della Fondazione Enrico Zanotti, in
collaborazione con Associazione Nazionale Santa Caterina da Siena ETS, Federazione Centri di
Solidarietà ETS, LabOra e Student Office, sabato 13 maggio dalle ore 10 Palazzo Bevilacqua
Costabili, si terrà il convegno “Più società con lo stato per il bene comune” cui interverranno
tra gli altri Laura Ramacciotti, Magnifica Rettrice dell’Università degli Studi di Ferrara; Alan
Fabbri, Sindaco di Ferrara; l’On. Lucia Albano, Sottosegretario al Ministero dell’Economia e delle
Finanze; l’On. Maria Teresa Bellucci, Viceministro del Lavoro e delle Politiche Sociali; l’On.
Rosaria Tassinari, deputata dalla Repubblica, docenti, ricercatori, rappresentanti di Enti pubblici e
privati. Per prenotazioni fscuolapolitica@fondazionezanotti.org

LABORATORI PER BAMBINI E VISITE GUIDATE
Tanti i laboratori dedicati ai più piccoli e agli studenti delle scuole secondarie: “Incontrare i
personaggi de I Promessi Sposi”, a cura dell’artista Francesca Cassoli (giovedì 11 maggio Castello
Estense ore 15); l’evento mostra “E uscimmo a riveder le stelle: l’itinerario della conoscenza” con il
ricercatore Mattia Bulla e Villi Demaldè dell’Ufficio Scolastico Regionale ER (venerdì 12 maggio
ore 10 e ore 15 Castello Estense); “Fantasy Food for Kids – laboratorio alimentare la vita”
(venerdì 12 maggio ore 17 Castello Estense). Visite guidate al Museo della Cattedrale e alla
Certosa di Ferrara.

Per informazioni e prenotazioni https://www.fondazionezanotti.org/2023/04/fefant-festival-della-fantasia-iii-edizione/

Luogo

Ferrara Centro
Piazza della Cattedrale
Ferrara, 44121 Italy
+ Google Maps

La redazione non è responsabile di eventuali inesattezze o variazioni nel programma degli eventi riportati. In caso di annullamento, variazione, modifica delle informazioni di un evento potete scrivere a eventi@filomagazine.it